LA STORIA DEL RED ROSE RANCH…

IL SOGNO DI JOPPY

Il Red Rose Ranch nasce nel 1991 grazie a Joppy (Giovanni Magli) e al suo amore per i cavalli, per la terra aspra e dolce del suo Appennino e per la natura nella sua magnifica totalità. All’inizio sono solo un gruppo di amici uniti da questa grande passione che si ritrovano per “andare a cavallo”, un pretesto per viaggiare guardando il mondo da un’altra prospettiva e condividere le emozioni uniche che questo sport regala. Poi i cavalli a casa di Joppy diventano tre, quattro, dieci … e nasce una vera e propria Associazione Sportiva Dilettantistica. Per tutti questi anni Joppy ha dedicato tutto se stesso a questa attività che era il suo sogno, la sua vita, tutto quello che desiderava. L’ha fatto con l’aiuto della sua famiglia che ha lasciato la città di Bologna per raggiungerlo e aiutarlo. Era innamorato di questi luoghi che ha conosciuto palmo a palmo girando a cavallo.

Col tempo gli amici del Red Rose Ranch sono diventati sempre di più: la scuderia oggi ospita circa quaranta cavalli e l’associazione conta quasi 140 soci.
Purtroppo oggi Joppy non è più con noi, ma chi è rimasto a portare avanti questo suo grande sogno cammina sulle sue orme. Col suo esempio di grande valore, impossibile da dimenticare, ci ha sempre insegnato l’amore per la natura in ogni sua forma, dal rispetto per il più piccolo essere vivente fino a quel grande valore che è l’amicizia fra gli uomini. In questo luogo anche oggi, grazie a lui, uomini e animali convivono in una speciale armonia. Tutto mantiene l’impronta e lo spirito con cui lui aveva iniziato.
Se verrete a trovarci troverete una bella compagnia, allegra e gioviale, come una grande famiglia! Il paesaggio è davvero incantevole e offre un gran numero di suggestivi itinerari da percorrere a cavallo lungo vecchie Ippovie e strade romane che collegano l’Emilia alla Toscana. Lungo i percorsi un gran numero di punti sosta permettono godere dell’ottima cucina, del buon vino e dell’atmosfera di allegro entusiasmo che contagia sempre tutti quanti si uniscono al nostro gruppo. I cavalli del nostro Ranch, che sono il fulcro della nostra attività, vivono sereni e liberi in piccoli branchi, in ampi e confortevoli pascoli dove trascorrono anche la loro vecchiaia dopo aver prestato per anni il loro prezioso servizio. L’approccio, anche nella doma dei puledri, avviene sempre nel totale rispetto della loro meravigliosa natura che merita non solo tutta la nostra attenzione ma richiede anche tanta conoscenza, tempo, dedizione e pazienza. Noi che operiamo qui ora, certi di aver conosciuto e condiviso l’amore, la passione e compreso l’intento della persona speciale che ha creato tutto questo, cerchiamo di fare del nostro meglio perché il suo meraviglioso sogno continui ad essere, proprio come lui … sempre con noi.
Grazie a Joppy, ai suoi animali, a tutti quelli che sono rimasti, partiti, tornati
… e a quanti verranno a trovarci in futuro!

IL RED ROSE RANCH OGGI

chi-siamo-27-Il-Red-Rose-RanchIl Red Rose Ranch è speciale per l’atmosfera calda e accogliente che vi regna sovrana… Siamo certi che sia durante l’attività con i cavalli, sia durante una piacevole siesta nel verde circostante, sia nell’allegra e amata Club House vi sentirete come a casa vostra. Siamo anche certi che tutto questo sia possibile grazie a chi c’è oggi, ma anche grazie a chi, pur non essendo più con noi, ha lasciato tanto di sé. Crediamo che sia compito di chi rimane continuare a tenerlo stretto e trasmetterlo incondizionatamente.

chi-siamo-00-joppyJOPPY . Parliamo di te nel “Sogno di Joppy”, ma per quanto ci impegniamo è impossibile scrivere qui ciò che sei stato e hai fatto e la forza dei valori che hai impresso indelebilmente nel Red Rose Ranch e nei nostri cuori.

VALENTINA BONERA. Poche persone incarnano come Valentina la gioia di vivere, l’armonia e il rispetto per tutti gli esseri viventi. Non fatevi ingannare, però! Nonostante la sua dolcezza ha una incrollabile determinazione e rimette in riga anche i cavallini più caparbi. Titolare del Red Rose Ranch e Istruttrice della Scuola Italiana di Horsemanship, coinvolge subito con il suo entusiasmo e la sua simpatia e fa venire voglia di tornare ancora e ancora!

chi-siamo-08-ebeEBE ZOCCA. Ebe è la mamma di Joppy,  in realtà fino a due anni fa (da quando è andata a vivere a Scascoli) ha fatto da mamma all’intero Red Rose Ranch. Ha preparato caterve di pasti deliziosi e abbondanti per quanti approdavano nel cortile del maneggio affamati e/o bisognosi di parole affettuose e comprensive. Confidente per eccellenza, semplice ma ferrea nella sua dolcezza sa leggerti nell’anima con i suoi occhi saggi e amorevoli. Non ci sono parole per esprimere ciò che ci ha dato, ogni serena e felice giornata passata al Red Rose Ranch è dedicata anche a lei.

chi-siamo-02-giorgioGIORGIO. Giorgio (per la precisione George Cura, di origine Rumena) è al Red Rose Ranch da 10 anni e da subito si è dimostrato una presenza fondamentale. Si occupa di tante cose, dal governo dei cavalli, all’orto alle riparazioni e, soprattutto, è stato insostituibile nella costruzione della nuova sede del Red Rose Ranch (Il Casalino). E’ un instancabile giocatore di scacchi, se volete sfidarlo nelle piacevoli serate estive vi aspetta!

OSCAR. E’ il papà di Valentina, adora il Red Rose Ranch e vi passa più tempo che può, mettendosi affianco a Giorgio e sistemando all’occorrenza tutti i mezzi meccanici.
A riposo, nel paddock adiacente al Bed & Breakfast “Il Casalino”, vedrete il bianco Rubio che è stato il suo amato cavallo. Se non è occupato con Giorgio, troverete Oscar sicuramente impegnato con i suoi adorati nipotini.

chi-siamo-06-miriaMIRIA MASCAGNI. Miria è un’altra delle presenze preziosissime e insostituibili per il Red Rose Ranch. Si occupa con implacabile efficienza dei baby cavalieri. Non sappiamo esattamente come faccia (ma presumiamo sia un talento naturale) tira fuori il meglio da ognuno di loro e non perde mai la pazienza. Sa come far superare ai piccoli aspiranti Horseman le normali paure dovute all’interazione con un animale così grande. Con noi adulti, basta che stringa le labbra alzando lievemente un sopracciglio per riportarci subito all’ordine.

GIANNI. Io sono Gianni, il veterano del Red Rose Ranch. Iniziai con i cavalli nel 1986 da zero, ma ebbi la fortuna di avere Tex,
un argentino di 16 anni che mi ha fatto da maestro, perdonandomi i miei innumerevoli errori. Ho conosciuto Joppy nel 1992 in occasione di un trekking (a quell’epoca avevo i cavalli a Budrio). Il posto, e soprattutto le persone, mi piacquero talmente che per ben 2 anni nella bella stagione venivo a trascorrere qui dei sereni week-end… erano 8 ore di sella! Poi nel 1994 mi trasferii definitivamente. Poco alla volta il mio atteggiamento verso i cavalli stava cambiando, perchè mi rendevo conto che questi meravigliosi animali dovevano assolutamente meritare più rispetto da noi umani. Quando ebbi i primi approcci con l’Horsemanship, nonostante il mio iniziale scetticismo, mi resi conto che esiste un altro modo, sicuramente migliore, di vivere con i cavalli e che non conoscevo. Poi venne il Barefoot. Qui ero ancora più scettico, tanto che fui l’ultimo della scuderia a sferrare il cavallo. Ora non tornerei più indietro per nessuna ragione. Horsemanship e Barefoot: due realtà che si completano e non vedo come l’una possa esistere senza l’altra.

SIMONE.Se vi interessa sapere chi sono…shhh…leggete in silenzio…così son entrato nel mondo dei cavalli…in un mondo silenzioso… di passi morbidi e leggeri che nemmeno il duro cemento può far risuonare, di sbuffi e di soffi così leggeri da far dimenticare le grida e gli applausi… di morbida corda tanto flessibile da essere piu forte del metallo… di occhi vivi di pensieri e di libertà da far sembrare vuoto ogni cassetto di sogni. E poi in punta di piedi una cavalla ha iniziato in quelle tante ore di silenzio insieme a spiegarmi, a raccontarmi a mostrarmi il suo mondo, nessuno dei due si è mai sentito di appartenere all’altro, liberi entrambi di essere se stessi ma con la voglia di conoscersi e di condividere reciprocamente. Ora anche altri occhi, più giovani mi raccontano le lo storie…diverse, ma sempre ricche e sempre piacevoli per il sempre poco tempo che possiamo condividere. Grazie amici.

STEFANO. Ho conosciuto i cavalli un po’ in là con gli anni….oltre i 30! Ormai sono trascorsi 9 anni e di acqua ne è passata sotto i ponti…… Allora la mia Vita mi aveva sottoposto ad una prova dura e impegnativa ed è lì, tra mille difficoltà, che ho trovato i miei compagni di viaggio. I cavalli mi hanno e mi stanno insegnando a trovare la forza dentro di me, sono un ottimo specchio che mi permette di capire le mie potenzialità e i miei limiti. Provo un senso di profonda gratitudine nei confronti di questi Esseri che hanno acconsentito di starci accanto… non un altro erbivoro, non un cervo, non un daino….. proprio i cavalli ci hanno scelto e ci guidano attraverso le nostre vicissitudini. Grazie anche al Red Rose Ranch, veri compagni di viaggio, che mi sta insegnando un metodo , chiamato Horsemanship, per poter essere capito e capire i miei Amici quadrupedi!!

FRANCESCA. I cavalli mi hanno dato tanto fin da quando ero bambina. Mio padre aveva un allevamento in Umbria e sono stata a contatto con questi splendidi animali. Sono creature generose, sanno dare molto se lo si sa comprendere, chiedendo in cambio molto poco. Quando ho conosciuto il Red Rose Ranch e la doma etologica mi si è aperto un mondo…. finalmente adesso, ogni giorno un po’ di più, riesco a capire le esigenze e ciò che mi vogliono dire queste maestose creature. Qui mi stanno insegnando “un nuovo linguaggio”… la lingua dei cavalli. Il mio rapporto con loro non è più a senso unico, ma c’è uno scambio, un chiedere e un rispondere, una sorta di comprensione profonda che mi porta, attraverso loro, nella parte più intima della mia persona, della mia Anima. Grazie a voi, Amici miei, grazie al Red Rose Ranch, veri compagni di viaggio!